Sei in: News & Eventi » Archivio News » News in Archivio

News in Archivio

Rubrica

RUBRICA: "La Voce del Padrone: registrazioni amatoriali del nostro tempo"

"MERRY CHRISTMAS TO ALL OF YOU"

La pubblicità, implacabile come la scadenza delle tasse, ci ricorda che il Natale "is coming"
sta arrivando... Se anche uno non avesse il calendario , la pubblicità attraverso i suoi mille
media, lo scoverebbe anche nel Burkina Faso e gli ricorderebbe il suo obbligo principale
come cittadino consumatore : il suo dovere ,sempre lo stesso, è comprare i fatidici regali
di Natale. Appena finito Halloween, subito come lo sbarco in Normandia, ci si getta sulle
strenne natalizie. I telegiornali già ci presentano i soliti servizi. La gente nei centri
commerciali ed impegnata nello shopping delle vie del centro. Le domande veramente
sagaci ed imprevedibili dei vari inviati : " Lei che cosa regalerà a Natale ? " Le risposte
purtoppo dello stesso tono : " Regali intelligenti, regali tecnologici..." come se per regali
tecnologici si intendesse che so pompe protoniche, impianti di arricchimento dell'uranio
impoverito etc etc. e non i soliti telefonini , play-station e banalità varie. Non ne posso
proprio più di questi servizi pseudo giornalistici sempre uguali, scontati come quelli
sull'arrivo dell'influenza, quelli sul polline primaverile, sull'esodo ferragostano etc. etc.
Un campionario di banalità si affaccia sui cosidetti mezzi di (dis)informazione. E' come
l'emicrania, non la puoi evitare, prima o poi compare. Presi dalla frenesia del Natale,
amministrazioni comunali che per tutto l'anno piangono come coccodrilli per le scarse
risorse economiche, accendono luminarie sempre diverse e più costose. Quelli stessi
che predicano il risparmio delle risorse energetiche e ululano contro l'inquinamento
acustico e luminoso, a Natale diventano degli Zeus pronti ad inondarci di luci e saette
dall'olimpo del palazzo comunale . Ma si sa , i latini dicevano "semel in anno licet insanire",
una volta all'anno si può trasgredire. I servizi di posate già lustri come piccoli soldatini
vengono tenuti all'erta pronti per l'armageddon finale, la battaglia campale di cene e cenoni,
di vigilie pantagrueliche e di veglioni dove abbuffarsi all'arma bianca. Alla faccia dei servizi
sull'altra parte del mondo che soffre di fame. E allora via di nuovo con palinsesti culinari
incentrati sui vari menù. Via con trasmissioni di cucina sul tema invece di concentrarsi sul
significato particolare e quello sì veramente unico e sempre nuovo della nascita di Gesù.
Mancano ancora due settimane a Natale ma mi sento già ubriaco da questa girandola di
servizi senza senso. E questo senza avere ancora bevuto una goccia di spumante.
Spero solo di potermi concentrare sull'unica cosa che per me abbia un senso :l'amore per
il mio prossimo e per la mia famiglia. Auguro a tutti Voi , un sereno Natale e un felice 2011 !

 

Invia ad un amico